Una Federazione di servizio: affrontare il quotidiano del nostro impegno avendo il supporto della struttura federale per la gestione ordinaria e straordinaria.

Sarà necessario avviare un piano di semplificazione che riguardi la revisione dei regolamenti e delle normative oltre ad incidere sulle pratiche burocratiche laddove possibile, rendendole più accessibili.

  • Un nuovo portale Intranet per la modulistica ad uso di dipendenti e collaboratori regionali, uniforme sul territorio nazionale.
  • Consulenza fiscale e di avvocatura a disposizione dei Comitati territoriali e conseguentemente delle Società, oltre ad un ufficio di assistenza al Registro CONI.
  • Ufficio centrale di consulenza per la partecipazione ai bandi di finanziamento, anche europei.
  • Ufficio centrale rafforzato per la consulenza per le pratiche assicurative.
  • Revisione della spesa (analisi di bilancio) ed ottimizzazione delle risorse, anche a favore dei Comitati Regionali, nonché analisi e possibile riduzione delle tasse gara e dei costi legati al ricorso alla giustizia sportiva.
  • Attenzione e sviluppo dei rapporti con le istituzioni pubbliche, il Governo, il CONI, Sport e Salute, il Dipartimento per lo Sport, l’UCI e la UEC.
  • Un modello di servizio: il Numero Unico della Federazione per indirizzare gli utenti (comitati o tesserati) ai servizi/uffici federali e regionali.

La crescita professionale della struttura Federale e delle strutture territoriali è un caposaldo da avviare ad inizio del quadriennio che ci attende:

  • Formazione continua dei dipendenti federali e territoriali.
  • Formazione dei dirigenti sportivi, a tutti i livelli, e verifica in Consiglio Federale della possibile erogazione di gettoni di presenza per le riunioni nazionali, per una professionalità consapevole della evoluzione del mondo sportivo.
  • Sviluppo della commissione impianti Nazionale con referenti Regionali in cui la Federazione seguirà lo sviluppo dell’impiantistica, dalla progettazione alla messa in 8 opera, per tutte le strutture in grado di favorire la promozione e la pratica sicura, urbana, bike park, nonché consulenza per finanziamenti pubblici e bandi. Per la realizzazione di questa importantissima e vitale funzione, verranno determinati budget dedicati per i Comitati Regionali.
  • Maggiore attenzione alla intersettorialità attraverso un modello di lavoro condiviso, dalle Commissioni nazionali al costante rapporto con quelle dei Comitati Regionali.

Progetti generali per la crescita di tutto il movimento e per una relazione sempre più forte con i comitati, la base, i cittadini, le comunità, gli stakeholder:

  • Borse di studio riservate agli studenti per progetti su impianti di ciclismo e concorso per le migliori strutture gestite da ASD federali dedicate alla promozione del ciclismo come aspetto sociale, ludico e di benessere.
  • Progetto per la promozione all’uso della bicicletta attraverso manifestazioni su tutto il territorio nazionale che sappiano valorizzare l’immagine della Federazione e favorirne l’uso e conoscenza, in sicurezza, a tutela del territorio e dell’ecologia.
  • Stage delle varie discipline, riservati alle categorie giovanili, aperti a tutti e con tecnici e atleti di rilevanza nazionale , con attività teorica e pratica.
  • Una Card per tutti i ciclisti: una tessera per tutti gli utilizzatori della bicicletta, facilmente attivabile e con contenuti sempre aggiornati, collegati alla Federazione ed ai suoi partner.
  • Promozione della mobilità sostenibile nelle scuole di qualunque ordine, al fine di promuovere la bicicletta come mezzo di trasporto del futuro.
  • Rispetto delle regole e fair play: la valorizzazione dei valori in un contesto di sviluppo del Bilancio Sociale della FCI.